Argomenti SEO, a Volte Interessanti, ma Inutili

Ecco perché molti argomenti riguardanti la SEO sono interessanti ma praticamente inutili, non solo la maggior parte delle volte ma anche effettivamente per eseguire l’ottimizzazione per i motori di ricerca.

argomenti SEO inutili
Anche le news SEO sono interessanti, non sempre utili

Molte volte ho riferito anche in questo blog che un minimo di preparazione riguardante l’ottimizzazione per i motori di ricerca, per valutare un preventivo SEO ed offerte SEO è necessaria sia per non farsi fregare, che per valutare il rapporto qualità prezzo ed anche per non fare quello che invece che ottimizzazione per i motori di ricerca sarebbe un disastro per la visibilità online.

Ebbene, internet è un mezzo d’informazione eccezionale, i motori di ricerca vengono d’aiuto, Google sopratutto, altrimenti non sarebbe così apprezzato, ma, anche se ci si affida al motore di ricerca e si clicca sui primi risultati bisogna valutare il fattore umano che si può riassumere in: per chi è scritta questa pagina web?; molte volte, infatti, argomenti SEO sembrano scritti solo per gente del settore, e, molto di quanto scritto è interessante ma inutile, non sono problemi che devi risolvere.

A parte il fatto che, personalmente, non capisco il motivo per cui un SEO scrive per altri SEO’s, in teoria suoi competitor, e non per il suo pubblico di riferimento, che potresti essere tu che leggi questo articolo, se t’interessa approfondire l’argomento per intraprendere decisioni riguardanti l’ottimizzazione per i motori di ricerca del tuo sito web, e non per fare il SEO, continua a leggere l’articolo.

La base della SEO aiuta

Potrebbe sembrare un’ovvietà partire dalla base della SEO per cominciare a conoscerla, cosa s’significa, cosa è giusto e cosa no, ma non è una ovvietà, io stesso ogni tanto anche per fare mente locale e per avere idee riguardo le azioni da intraprendere penso partendo dall’inizio.

Ebbene, se non sai dov’è questo inizio, anche se all’atto pratico non è SEO ma “cosa non fa la SEO” ti consiglio di leggere le guide dei motori di ricerca, alla fine sono pressoché identiche ma se le leggi ti rendi conto perfettamente quello che la SEO non è, o non è più.

Vai sulla homepage di Google o del tuo motore di ricerca preferito, oppure scrivi nella barra di ricerca del browser semplicemente “google webmaster guidelines” e “bing webmaster guidelines” per fare due esempi, sono due letture non veloci ma già queste ti permetteranno di valutare e scartare un bel po di preventivi basati su tecniche SEO scorrette per i motori di ricerca.

Dalla teoria SEO alla pratica

Tornando però all’argomento principe di questo articolo, ovvero gli argomenti SEO interessanti ma inutili, dato che di articoli semplici riguardanti la SEO anche in italiano ve ne sono, anche buoni, devi cercare nel modo più veloce possibile di verificare se quanto è scritto è reale, e valutare se è ripetibile.

Si, questa non è SEO ma identificazione dell’informazione online e buonsenso, però, la cosa più semplice che solitamente faccio e che puoi fare anche tu è quella di vedere se quanto scritto viene fatto, anche sul sito web dov’è riportato, devi inoltre vedere la tipologia del sito web sul quale è scritto e sopratutto perché viene scritto: per fare una news/traffico, per condividere qualcosa d’interessante, per vendere, per istruire o per altro?

Riguardo il buonsenso per l’identificazione di argomenti SEO per te inutili cerca di pensare obiettivamente ed a più di larghe vedute possibile:

  • Quanto riferito per che mercato e che target è proposto?
  • Va bene per un budget limitato o solo per multinazionali?
  • La velocità ed il costo dell’implementazione è uguale a quella del possibile riscontro economico?

Infine ti dico la cosa la principale che devi tenere in considerazione: le priorità; per te ed il tuo sito web quali sono le priorità?, l’articolo che hai letto per te è una priorità?

Se non sai quali sono le priorità che sono da fare per migliorare la prestazione sui motori di ricerca del tuo sito internet e come farle contattami che te lo farò sapere.

Facebook Twitter Google+ WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.