Fattori SEO e Priorità SEO

In questo articolo tratto l’argomento dei fattori SEO e delle priorità SEO per cercare di farti capire l’importanza effettiva degli stessi, ti sarà utile se vuoi farti fare ottimizzazione per i motori di ricerca al tuo sito web.

fattori SEO e priorità SEO
La sai la differenza tra fattori SEO e priorità SEO?

Prima d’introdurre l’articolo, dato che è pensato e scritto per far comprendere la differenza pratica dell’utilità tra fattori SEO e priorità SEO a chi poco se ne intende, ma a cui può interessare far ottimizzare il proprio sito web per i motori di ricerca la necessaria premessa da fare è dire cosa sono:

  • I fattori SEO, in pratica si può dire che non sono altro che quei famosi 200 fattori che Google dice di utilizzare per posizionare nei motori di ricerca un sito web, il “200” è solo un numero e sicuramente sono molti di più;
  • Le priorità SEO invece, sempre riassumendo di molto e detto in pratica, non sono altro che la differenza d’impatto positivo può avere su di un sito web un’azione SEO, l’impatto più positivo per i motori di ricerca di due diverse azioni SEO è una priorità dato che può portare maggiori benefici.

Dopo la premessa, dato che la stessa potrebbe non interessare molto a chi interessa farsi fare l’ottimizzazione per i motori di ricerca, dico che è comunque essenziale da sapere per valutare il lavoro di ottimizzazione per i motori di ricerca che viene fatto e/o valutare l’efficacia e l’utilità delle nozioni SEO che si trovano online od altrove.

Trend, fattori SEO e priorità SEO

Andando subito al dunque, Il nocciolo principale del problema riguardante i fattori SEO e le priorità SEO è possibile asserire che sono i trends, fatti sopratutto da chi fa informazione SEO o/o comunque che sono interpretati per cosa non sono.

Entrando leggermente più nel dettaglio, anche per far comprendere meglio:

  • I fattori SEO riferiti da siti web che fanno informazione anche per professionisti non sono ufficialmente documentati dai motori di ricerca (tranne che in rare eccezioni), possono variare anche in breve tempo quindi non sono affidabili;
  • Le priorità SEO possono ritenersi a tutti gli effetti variabili a discrezione di chi esegue l’ottimizzazione per i motori di ricerca, però solitamente sono best practices SEO, anche documentate;
  • Purtroppo, i trends SEO invece sono sotto gli occhi di tutti ed a volte sono visti come “trucchi” o la soluzione di tutti i mali, non è così.

Seppur ho cercato di semplificare, sicuramente per qualcuno ho parlato “ostrogoto”, con un esempio reale penso che sarà chiaro a tutti:

Non molto tempo fa ho visto un sito web di recensioni di qualcosa (non ricordo l’argomento), ogni recensione era composta da un paio di linee di testo e da una immagine, ovvero neanche di minima qualità, e, la qualità è essenziale per il posizionamento ed il traffico da parte dei motori di ricerca. Ispezionando il codice e facendo il test per i dati strutturati ho visto che la pagina era “piena” degli stessi, non un male ma, in quel caso e praticamente sempre non è la priorità per fare un sito web di successo seguire “il trend” dei dati strutturati od altre cose simili non porterà risultati se non si sistemano le priorità.

Il trend SEO lo si può seguire, anche se non è una priorità

Un piccolo approfondimento riguardante quanto appena detto devo farlo obbligatoriamente dato che io stesso a volte suggerisco od implemento accorgimenti che non sono documentati ufficialmente, ne come fattori SEO ne come best practices (azioni che aiutano il posizionamento).

Anche se alcune implementazioni non sono veri e propri fattori SEO o priorità SEO e non aiutano direttamente il posizionamento sui motori di ricerca, pensando con una visione olistica (d’insieme, a 360°) sono da fare dato che possono comunque essere un vantaggio per le visite organiche provenienti dai motori di ricerca, e non solo da quelli.

In conclusione di questo articolo dico che spero di averti fatto capire anche se non fai ottimizzazione di ricerca la differenza tra fattori SEO presunti e priorità SEO effettive in modo tale che potrai valutare meglio quello che è necessario da fare per il tuo sito web e quello che è opzionale.

Che ne dici, ti è stato utile ed è interessante l’articolo? Fammi sapere nei commenti cosa ne pensi.

Facebook Twitter Google+ WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.