Landing Page: Ricordati Problemi e Definizione Corretta

In questo articolo ti spiego dei possibili problemi che quasi nessuno dice che creano le landing page e perché è saggio considerarle per quello che sono, con la definizione corretta.

landing page, problemi e definizione
Avere una concezione giusta delle landing page è meglio

Online vi sono molti articoli e tutorial che riguardano le landing page (e le squeeze page), dicono come dovrebbero essere fatte per fare in modo che rendano meglio, i vantaggi, quali sono le posizioni ideali degli elementi presenti nelle stesse e molto altro, però, non ti dicono i possibili problemi che possono generare e cosa non fanno, questi due fattori essenziali possono indurti a fare degli errori di valutazione anche gravi, in questo articolo li introduco.

Quali possono essere i problemi delle landing page

Sicuramente il problema principale e più ricorrente riguardo le landing page è pensare che un sito web possa essere composto da una landing page, si, sarebbe incentrato sulle conversioni e con un obiettivo ben chiaro però la qualità per i visitatori ne risentirebbe molto, come un sito web con 5 pagine che può definirsi obsoleto.

In teoria in questo discorso possono rientrare anche i siti web mono pagina, in teoria perché è un trend recente vederli nuovamente, ma, seppur abbiano le animazioni ed altre caratteristiche che le vecchie landing page mono pagina non avevano la loro completezza è relativa se non nulla, potrebbero andar bene per fare branding (solo se questo è già consolidato), ma neanche la maggior parte delle volte.

Le landing page in siti web, invece, solitamente vengono realizzate per far confluire visite a pagamento e generalmente sono realizzate da chi ha a che fare con il search engine marketing e non sempre ha più che una minima conoscenza dell’ottimizzazione dei motori di ricerca, in questo caso di problemi ne possono sorgere diversi, solo per fare alcuni esempi:

  • Se vengono usate varie landing page per le promozioni e se quando scadono le promozioni non vengono rimosse dal server potrebbero rimanere nell’indice dei motori di ricerca, se l’utente vuole approfittare della promozione non la troverebbe, è una pagina inutile per l’utente e per il sito web;
  • La qualità di una landing page non è come quella di una pagina web, può essere dannoso mostrarla ai motori di ricerca;
  • Se si fanno promozioni diverse od uguali in base una zona geografica e non si adottano tutte le misure necessarie può essere molto dannoso tenerle visibili ai motori di ricerca.

Gli ipotetici ma reali esempi non scontati fatti qui sopra, di come le landing page non vanno usate però non devono scoraggiare ad usarle, sopratutto se si pensa più che obbiettivamente cosa sono le landing page.

Cosa sono le landing page?

Seppur ad inizio articolo ho detto che un sito web non può essere una landing page, letteralmente parlando una landing page è una “pagina d’atterraggio”, ogni pagina di un sito web può essere una landing page, sicuramente vi sono siti web e relative pagine più orientate alla vendita (vedi ecommerce) ma non si vende solamente online.

Molte sono le tipologie di conversioni che un visitatore può fare su di un sito web, gli esempi più scontati potrebbero essere l’iscrizione ad una newsletter od il download di ebook, quindi, sopratutto perché questo articolo è a tema AdWords suggerirti di non focalizzarti solo ad una pagina web a cui dovranno indirizzare gli annunci non è scontato, però trattando ogni pagina come una landing page.

In conclusione di questo articolo, anche se non ha a che fare con le landing page ed AdWords dato che la pagina d’atterraggio è per i visitatori provenienti dai motori di ricerca, dai social network, ecc. e più che altro centra con i diversi obiettivi che possono avere varie tipologie di pagine ti faccio un esempio reale, che hai sotto gli occhi:

Questo articolo se lo leggi e ti piace perchè ti è utile vuol dire che ti ho offerto un buon servizio, anche se a tutti gli effetti non ci ho guadagnato niente a darti queste informazioni non necessariamente gli articoli di un blog, seppur di un attività, servono per vendere, per promuovere o comunque per guadagnare, ed io ho comunque offerto un buon servizio, di sicuro non è un male, non pensi?

Facebook Twitter Google+ WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.