Quello Che Devi Sapere Prima di Avere un Sito Web

In questo articolo ti spiego quello che devi sapere prima di avere un sito web, le cose su cui devi informarti e che devi chiedere per evitare brutte sorprese.

da sapere prima di fare sito web
Non c’è solo il prezzo da sapere prima di fare un sito web.

Sopratutto micro, piccole e medie imprese che non hanno un sito web, se lo desiderano, la prima cosa che chiedono è “quanto costa un sito web?“, oppure “quanto costa un ecommerce?“, se fosse un ecommerce.

Sapere il costo dell’investimento è legittimo. Ma, è solo una cosa che devi sapere e non la più importante.

L’investimento in un sito web infatti non è una tantum. Anche se pochi soldi per micro, piccole e medie attività bisogna sostenere dei costi di gestione del sito web.

Vuoi che i costi di gestione del sito web siano superiori a quello che ti rende? Non credo.

Per essere sostenibile – e per portare un guadagno – prima di avere un sito web devi fare delle valutazioni e chiedere a persone che ne sanno più di te. Persone, professionisti od agenzie web che non ti dicono cose solo per interesse personale.

Senza alcun interesse personale, di parte od “autopromozionale”, come ho fatto nell’articolo che dice cosa sapere prima di fare un ecommerce, di seguito ti dico le cose principali che devi valutare prima di avere un sito web perché sia sostenibile. Ed anche perché sia davvero professionale.

Tecnica di realizzazione

Per esperienza professionale so con certezza quasi assoluta che la maggior parte delle attività che vuole un sito web non è interessata alla tecnica di realizzazione del sito web.

Gli importa che sia di bell’aspetto e deve avere determinate caratteristiche. Variabili in base alla tipologia del sito web.

Male.

La tecnica di realizzazione si un sito web, o l’utilizzo di un determinato CMS/piattaforma per la sua realizzazione, nel tempo fa emergere tutti i pregi e/o i difetti.

Anni fa la scelta della tecnica di realizzazione di un sito web era molto più semplice. C’erano i siti statici solitamente con 5 pagine od i siti web dinamici.

Al giorno d’oggi i siti web – tranne rarissime eccezioni – i siti web sono tutti dinamici. Sono realizzati con un linguaggio di programmazione ed un database che permette ai contenuti di non essere sempre quelli, dinamici in poche parole.

In più, al giorno d’oggi, sopratutto con i CMS, ci sono moduli/estensioni/plugin che sono parte integrante del sito web ed influiscono sulla tecnica di realizzazione del sito web.

A questo punto potresti essere confuso/a. Ti do una mano.

Per poter valutare la tecnica di realizzazione del sito web prima di averlo, anche non sapendo nulla di programmazione o CMS, possono bastare poche domande.

A grandi linee, per avere una buona tecnica di realizzazione del sito devi verificare e/o devi chiedere:

  • Che il sito abbia un URL (indirizzo internet, ndr) per pagina;
  • Se il sito web mostra i contenuti alle persone lato server (server side rendering, ndr);
  • Che il sito web sia mobile friendly;
  • Che la velocità del sito web misurata con Page Speed Insight e/o Lighthouse, sia per dispositivi mobili sia per desktop, sia “buona”, o perlomeno “migliorabile”;
  • L’utilizzo dei dati strutturati, di che tipo in base la tua attività e la loro validità;
  • La possibilità di mettere/modificare i meta tags per i motori di ricerca;
  • Che il sito web sia accessibile per le persone;
  • La sicurezza del sito web, non solamente perché utilizza il protocollo HTTPS-.

Anche se le implementazioni tecniche di realizzazione di un sito web sono molte, solamente controllando e/o richiedendo tutte queste cose ti accerterai che il sito web abbia una solida base tecnica.

Aggiornamenti e nuove implementazioni

Le abitudini delle persone cambiano, il loro utilizzo di internet anche, ci sono sempre nuovi dispositivi in grado di accedere a siti web, ci sono sempre nuovi problemi riguardanti la sicurezza informatica.

Per i motivi cui sopra un sito web deve stare al passo con i tempi. Deve essere aggiornato.

Aggiornare un sito web non significa solamente caricare nuove immagini, contenuti, prodotti o promozioni.

Inoltre, con il tempo – anche per motivi aziendali – potresti voler fare nuove implementazioni. Tra cui, esemplificativamente, la sezione ecommerce o le versioni del sito web in altre lingue.

Quello che devi sapere prima di avere un sito web riguardo gli aggiornamenti e le nuove implementazioni in pratica è:

  • Che vi sia la possibilità ci sono di fare nuove implementazioni;
  • Se vengono rilasciati aggiornamenti per il sito web.

Doverosamente devo dire che, dato che un sito web può essere predisposto, o meno, ed essere “tecnicamente ottimizzato” per nuove implementazioni, innanzitutto, è bene se prima di far realizzare un sito web sai già che future implementazioni potresti voler fare.

Ovviamente lo dovrai riferire a chi ti realizza il sito web.

Riguardo gli aggiornamenti del sito web, per evitare di sborsare enormi cifre ad ogni aggiornamento è bene anche che tu sappia il costo degli aggiornamenti. Ogni quanto devi sostenerlo e, dato che è fattibile con i CMS attuali, anche se puoi fare aggiornamenti in autonomia. Almeno in parte.

Codice aperto e/o modificabile

Ogni attività ha i suoi segreti aziendali, legittimamente. Io stesso esigo riservatezza e mantengo il diritto d’autore su varie tipologie di modifiche di codice.

Probabilmente lo fai anche tu se hai un’attività.

Però, anche se ci possono essere clausole di riservatezza e parti di contenuto/codice coperto da diritti d’autore, un bene o servizio venduto è di proprietà dell’acquirente.

Così come, esemplificativamente, quando si compra un’automobile non si comprano i brevetti che ha sulle sue parti. Non si possono rivendere riproducendoli con un’altra marca.

Comunque, prima di avere un sito web devi sapere se il codice – la maggior parte del codice che fa funzionare il sito web – è modificabile da terzi od ancor meglio se è Open Source.

La non possibilità di modificare il codice del sito web può obbligarti a stare legato/a ad un’agenzia, un professionista od una piattaforma, e, le possibili evoluzioni che vengono fatte possono essere prese arbitrariamente.

I CMS più utilizzati sono modificabili nel codice e la maggior parte sono Open Source. Anche questo è un motivo per cui prediligo WordPress per realizzare siti web.

Clausole contrattuali

L’obbligo di stare legati ad un fornitore per via della piattaforma con cui è realizzato il sito web può essere fastidioso. Però c’è di peggio.

Se commissioni un sito web ad un libero professionista od agenzia web ci possono ancora essere clausole contrattuali che, all’atto pratico, possono obbligare ad essere legati ad un fornitore oppure a pagamenti perpetui.

Quello a cui devi prestare attenzione non è subito il contratto.

Prima ancora devi prestare attenzione nel valutare bene offerte, promozioni o comunque il modello di prezzo adottato che ti possono attirare. Ed anche all’eccessiva semplicità con cui viene proposta la realizzazione in autonomia di un sito web od ecommerce.

Ad esempio, se “l’ecommerce professionale che puoi fare con semplicità in autonomia” lo pagassi “solo” 500€ all’anno, nel medio termine non sarebbe già più conveniente. Inoltre, facendolo in autonomia non sarebbe professionale. Ovvero fatto da un professionista.

Quello a cui devi fare attenzione nei contratti sono le clausole sull’interruzione del servizio in caso di disdetta.

Paradossalmente potresti ritrovarti senza sito web anche dopo anni di pagamenti. Oppure senza contenuti se sono stati fatti da terzi.

Per fortuna di disonesti così ce ne sono pochi. Se ci presti attenzione però è solo che un bene.

Riguardo i pagamenti di siti web con canoni mensili, od annuali, quasi sempre è molto insidioso anche il fatto che non permettono la “portabilità” del sito web.

Libertà di trasferimento e rifacimento

Anche, ma non unicamente, in relazione alle clausole contrattuali una brutta sorpresa che potresti avere dopo aver fatto o fatto realizzare un sito web è l’impossibilità di trasferimento del sito web e/o l’impossibilità di rifare il sito web totalmente.

Oppure implementando piccoli ma utilissimi miglioramenti.

Prima di avere un sito web ti è utile sapere se in futuro potrai trasferirlo e/o rifarlo anche sostanzialmente.

Non ti serve sapere molto.

In linea di massima, non permettono un trasferimento semplice ed un restyling sostanziale, oppure minore ma determinante:

  • Piattaforme (non hosting/CMS) che permettono di fare siti web “punta e clicca” in autonomia;
  • Clausole contrattuali che legano ad un fornitore, come già anticipato;
  • Servizi web che permettono di fare sito web in domini di terzo livello e non usano CMS disponibili per il pubblico.

Anche se, personalmente, utilizzo meno che posso l’espressione “tutto quello che devi sapere“, dato che, per onestà intellettuale so che ci può essere sempre qualcosa di non detto, se capisci e controlli tutto quanto scritto in questo articolo è probabile che le nozioni ti siano sufficienti prima di avere un sito web per avere brutte sorprese in futuro.

Cosa ne pensi? Fammelo sapere nei commenti. L’articolo è utile? Condividilo con altre persone che può esserlo anche per loro. Devi Fare un sito web? Chiedimi un preventivo senza impegno, se vuoi confrontalo con altri valutando il rapporto che c’è tra qualità effettiva e prezzo.

Facebook Twitter WhatsApp Email LinkedIn

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.